26 Giu
Additivi alimentari
31 visualizzazioni
0 commenti

E338 – Acido fosforico

L’acido fosforico (codificato E338), è un additivo alimentare largamente utilizzato nell’industria alimentare. Si tratta di un acido organico inodore e incolore, solubile in acqua, con un gusto aspro. Si tratta di un composto ionico con la formula H3PO4, noto anche come fosfato diidrogenico.

L’acido fosforico è un componente naturale di quasi tutti i cibi, ma viene aggiunto come additivo alimentare sotto forma di sale fosfato, per regolare il pH, la consistenza e il sapore dei prodotti alimentari. Si trova in prodotti come bevande gassate, succhi di frutta, conserve, salse, prodotti da forno, prodotti a base di carne, prodotti in scatola, marmellate, yogurt, formaggi, prodotti in scatola e molti altri.

L’acido fosforico è approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) come conservante alimentare sicuro da usare nelle quantità indicate. L’acido fosforico è anche un agente sequestrante, una sostanza che può legare altre sostanze per prevenire la formazione di composti indesiderati. Inoltre, è una sostanza essenziale per la salute delle ossa e dei denti e può anche aiutare a regolare i livelli di acidità dei prodotti alimentari.

Tuttavia, l’acido fosforico ha anche alcuni potenziali effetti negativi. Può aumentare il rischio di malattie renali e cardiache, può aumentare l’assunzione di calcio dalle ossa e può contribuire all’osteoporosi. Inoltre, si ritiene che l’acido fosforico possa contribuire alla formazione di calcoli renali. Pertanto, le persone che soffrono di malattie renali o cardiache, o che sono a rischio di osteoporosi, dovrebbero limitare l’assunzione di alimenti contenenti acido fosforico.

In conclusione, l’acido fosforico è un additivo alimentare sicuro se utilizzato nei limiti indicati dalla FDA. Tuttavia, le persone con malattie renali o cardiache o a rischio di osteoporosi dovrebbero limitare il consumo di alimenti contenenti acido fosforico.

Per saperne di più sugli altri additivi alimentari visita la pagina di riferimento
Per qualunque inesattezza nel presente articolo dovuta ad un aggiornamento delle evidenze scientifiche in merito a questo additivo, si prega di scrivere una mail a [email protected] segnalando l’errore


Per approfondire l’argomento sull’additivo E338 consulta le ultime ricerche scientifiche su PubMed