25 Giu
Additivi alimentari
23 visualizzazioni
0 commenti

E334 – Acido tartarico

L’acido tartarico E334 è un additivo alimentare ampiamente utilizzato in vari prodotti alimentari. Si tratta di un acido organico che si trova naturalmente in alcuni alimenti come uva e banane. È una sostanza dal gusto aspro ed è usata come conservante alimentare, acidulante, additivo di sapore e correttore di acidità.

L’acido tartarico E334 è classificato come un additivo alimentare sicuro per l’uso nella maggior parte dei prodotti alimentari. Viene aggiunto a molti cibi come dolci, bevande, alimenti in scatola, gelati, condimenti e altre preparazioni alimentari. Viene anche usato in vini e altre bevande alcoliche. A volte viene usato come un sostituto del lievito in alcune preparazioni.

L’acido tartarico E334 è un prodotto di sintesi inorganico, prodotto a partire da materiali di origine minerale come bicarbonato di sodio o bicarbonato di potassio. È una sostanza anidra, cristallina e bianca, con un peso molecolare di 150,09. La sua formulazione chimica è C4H6O6.

L’acido tartarico E334 è un additivo alimentare sicuro. Può aiutare a migliorare la qualità e la stabilità dei prodotti alimentari. Può anche aiutare a ridurre l’acidità e può avere un effetto conservante sui cibi. Può anche contribuire ad aumentare il sapore di alcuni alimenti. Tuttavia, in alcuni casi, può causare reazioni allergiche in alcune persone.

L’acido tartarico E334 è un additivo alimentare comunemente usato in tutto il mondo. Viene usato in molti prodotti alimentari come dolci, bevande, alimenti in scatola, gelati, condimenti e altre preparazioni alimentari. Può anche essere usato in alcune preparazioni come sostituto del lievito. Il suo uso è considerato sicuro, anche se in alcuni casi può causare reazioni allergiche.

Per saperne di più sugli altri additivi alimentari visita la pagina di riferimento
Per qualunque inesattezza nel presente articolo dovuta ad un aggiornamento delle evidenze scientifiche in merito a questo additivo, si prega di scrivere una mail a [email protected] segnalando l’errore


Per approfondire l’argomento sull’additivo E334 consulta le ultime ricerche scientifiche su PubMed