17 Set
Additivi alimentari
29 visualizzazioni
0 commenti

E233 – Tiabendazolo

Il tiabendazolo (E233) è un additivo alimentare approvato dall’Unione Europea. Si tratta di un composto organico che ha un effetto antibatterico, antifungino e antiparassitario. Il tiabendazolo viene usato come agente conservante nell’industria alimentare per prevenire la crescita di muffe e batteri dannosi. Si trova in una vasta gamma di prodotti alimentari, tra cui vini, succhi di frutta, marmellate, pane, salse, bevande, carni e pesce.

Il tiabendazolo è una molecola sintetica che si presenta come una polvere bianca cristallina. Le sue proprietà antibatteriche e antifungine sono dovute alla sua attività antiflogistica. La sostanza inibisce la respirazione cellulare dei batteri e dei funghi, interrompendo la trasmissione degli impulsi neuromuscolari.

Nonostante il tiabendazolo sia una sostanza sintetica, non è considerato una sostanza tossica. Tuttavia, come con qualsiasi altro additivo alimentare, è importante seguire le istruzioni del produttore per evitare un’esposizione eccessiva. Secondo le normative dell’Unione Europea, l’aggiunta di E233 non deve superare i 0,1 grammi per litro di prodotto alimentare.

Il tiabendazolo può essere utilizzato in diverse applicazioni, come ad esempio la conservazione di frutta e verdura, la preparazione di marmellate, salse e sughi, la lavorazione della carne e del pesce, il trattamento dei vini e le bevande alcoliche. Inoltre, può essere utilizzato per prevenire la crescita di muffe nei prodotti da forno, come pane e dolci.

Il tiabendazolo è un additivo alimentare di origine sintetica che può essere usato in diversi prodotti alimentari. Se usato correttamente, può aiutare a prolungare la shelf life dei prodotti alimentari, prevenendo lo sviluppo di batteri e muffe dannosi. Tuttavia, se assunto in dosi eccessive, può causare effetti indesiderati come nausea, vomito e diarrea. Pertanto, è importante seguire sempre le istruzioni del produttore e non superare l’uso raccomandato.

Per saperne di più sugli altri additivi alimentari visita la pagina di riferimento
Per qualunque inesattezza nel presente articolo dovuta ad un aggiornamento delle evidenze scientifiche in merito a questo additivo, si prega di scrivere una mail a [email protected] segnalando l’errore


Per approfondire l’argomento sull’additivo E233 consulta le ultime ricerche scientifiche su PubMed