16 Set
Additivi alimentari
35 visualizzazioni
0 commenti

E227 – Calcio bisolfito

L’additivo alimentare E227, o calcio bisolfito, è una sostanza chimica utilizzata come conservante in alcuni alimenti. Si tratta di un sale binario composto da una parte di calcio e una parte di acido bisolfuro.

La presenza di questo additivo nei prodotti alimentari è regolata dall’Unione Europea e dall’Organizzazione Mondiale per la Sanità, che ne hanno stabilito il limite massimo di uso, che è di 0,05%.

Il calcio bisolfito (E227) viene utilizzato come conservante perché è in grado di inibire la crescita di diversi batteri, muffe e lieviti. Inoltre, ha anche la capacità di inibire la formazione di agenti patogeni nocivi, come alcuni tipi di Salmonella.

Esso viene principalmente utilizzato per preservare alimenti come il vino, la birra, il succo di frutta, le marmellate, le salse, i sottaceti, i salumi e altri prodotti a base di carne. Inoltre, può essere aggiunto anche a cibi in scatola, alcuni dolci ed altri prodotti alimentari.

Pur essendo ritenuto sicuro per la salute, l’uso eccessivo di calcio bisolfito può portare a determinati effetti collaterali, come reazioni allergiche, problemi respiratori, dolori addominali, mal di testa, nausea e vomito.

Inoltre, alcuni studi hanno anche dimostrato che l’esposizione prolungata a questo additivo può anche aumentare il rischio di tumori, malattie cardiovascolari e malattie renali.

Per questo motivo, è sempre consigliato limitare il consumo di alimenti contenenti calcio bisolfito, in particolare per i bambini, le donne in gravidanza e le persone anziane. Inoltre, è anche importante leggere sempre l’etichetta dei prodotti alimentari acquistati per controllare la presenza di questo additivo.

In conclusione, il calcio bisolfito (E227) è un additivo alimentare ampiamente utilizzato per preservare alimenti come il vino, la birra, il succo di frutta, le marmellate, le salse, i sottaceti, i salumi e altri prodotti a base di carne. Sebbene sia ritenuto sicuro, è importante limitarne il consumo e leggere sempre l’etichetta dei prodotti alimentari acquistati per controllare la presenza di questo additivo.

Per saperne di più sugli altri additivi alimentari visita la pagina di riferimento
Per qualunque inesattezza nel presente articolo dovuta ad un aggiornamento delle evidenze scientifiche in merito a questo additivo, si prega di scrivere una mail a [email protected] segnalando l’errore


Per approfondire l’argomento sull’additivo E227 consulta le ultime ricerche scientifiche su PubMed