22 Mag
Corsa, Sport, Medicina Sportiva
43 visualizzazioni
0 commenti

Dolore al ginocchio durante la corsa? Ecco 5 cose che devi sapere

Il dolore al ginocchio è uno dei problemi tipici che si manifestano a chi pratica attività sportiva (e in particolare la corsa) a qualunque livello, sia che venga praticata a livello agonistico che amatoriale.

A volte insorgono dei dolori, anche non molto forti che, se trascurati, possono provocare a nel tempo problemi ben più importanti.

Per questo motivo, se non si vuole che il dolore al ginocchio limiti i nostri allenamenti o li interrompa, è necessario prestare attenzione a pochi ma importanti punti.

Partiamo dalle basi: Che scarpa stai usando?

Nella corsa, a differenza di altri sport in cui sono necessari vari equipaggiamenti, l’unico “attrezzo” realmente importante da attenzionare è la scarpa.

Ti pongo una semplice domanda per capire subito di cosa sto parlando:
Domanda: Giocheresti mai a calcio con una palla da basket?
Risposta: lascio a te la risposta!

In teoria potresti ma in pratica ti faresti molto male (e lo sai). Da fuori infatti sono entrambe delle sfere più o meno delle stesse dimensioni ma strutturalmente i due palloni sono molto diversi.

Per lo stesso motivo per cui non giocheresti a calcio con una palla da basket, perché dovresti correre con delle scarpe non adatte alla corsa? Spesso la risposta a questa domanda è che: o si “corre poco” o che “si sta iniziando a correre” e quindi non si vuole fare una spesa eccessiva.

Spesso il problema nasce proprio da li! Se utilizzi una scarpa non adatta alla corsa allora una delle prime conseguenze potrebbe essere il dolore al ginocchio (oltre a tante altre possibili conseguenze)


Che tipo di appoggio hai?

Hai mai attenzionato il modo in cui appoggi il piede? Se non lo hai mai fatto dovresti farlo subito prima della tua prossima corsa!

Durante la “rullata” del piede è infatti fisiologico avere un certo grado di pronazione, ovvero una leggera rotazione del piede verso l’interno. Se questa rotazione è eccessiva o non sufficiente il piede poggerà in maniera non corretta con tutte le varie possibili conseguenze

Sono tre i modi in cui puoi appoggiare il piede:

Neutro
Il piede appoggia correttamente e presenta il giusto grado di pronazione
Iperpronatore
Il piede ruota verso l’interno maggiormente rispetto alla pronazione fisiologica
Supinatore
Il piede non ruota abbastanza verso l’interno appoggiando quindi sulla parte esterna

A seconda del tipo di appoggio del piede è meglio utilizzare un certo tipo di scarpa rispetto ad un’altra.

  • Neutro: Scarpe di tipo “Neutral” (A3)
  • Iperpronatore: Scarpe di tipo “Support” (A4)
  • Supinatore: Scarpe di tipo “Neutral” (A3) più ammortizzate

Che allenamento stai facendo?

Il tipo di allenamento (specialmente se sbagliato) influisce molto su eventuali problematiche a carico del ginocchio. Sia per l’amatore che per l’agonista è fondamentale una corretta pianificazione degli allenamenti (cosa che spesso non viene fatta e/o trascurata).

Bisognerebbe infatti porsi degli obbiettivi e pianificare le sessioni di allenamento allo scopo di raggiungerli in maniera ottimale senza causare infortuni. Vuoi correre 1km nel minor tempo possibile? Preparare una maratona? Correre semplicemente per stare in forma?

La risposta ad ognuna di queste domande modificherà completamente il tipo di allenamento che dovrai effettuare.

L’allenamento sbagliato è infatti una delle principali cause di dolore al ginocchio

  • Sei poco allenato: Spesso a causa della sedentarietà e dell’impossibilità di avere tempo a sufficienza per svolgere un’attività fisica, si finisce col fare la classica corsetta nei ritagli di tempo senza prestare particolare attenzione al “come” questa viene fatta.
    Se il corpo, la muscolatura, le cartilagini, i tendini e i legamenti non sono allenati, un allenamento sbagliato (come un riscaldamento o uno stretching non corretto o l’utilizzo di scarpe non adatte) porterà quasi sicuramente all’insorgenza di un qualche dolore.
    Inoltre, i processi di invecchiamento a carico delle articolazioni a causa dell’età, contribuiscono molto ad amplificare gli effetti di un eventuale trauma.
  • Ti alleni troppo: Situazione opposta la si ha con lo sportivo che si allena ad un ritmo superiore alle proprie possibilità.
    Ok, se da una parte è vero che lo sport consiste anche nel superare i propri limiti, d’altro canto arriva un momento in cui per un motivo o per un altro è necessario rimodulare o ridurre il proprio allenamento. Se il corpo non ha il tempo di “riparare” i microtraumi causati dall’attività sportiva questi si accumulano sempre di più fino a quando il corpo comincia a mostrarne i sintomi.

Hai avuto altri problemi al ginocchio in passato?

Se soffri già di qualche patologia o hai avuto in passato eventuali distorsioni o traumi agli arti inferiori potresti più facilmente accusare dei dolori al ginocchio.

I traumi, anche se superati, lasciano comunque una traccia del loro passaggio (come ad esempio una maggiore rigidità articolare, assottigliamento delle cartilagini ecc…). Pertanto a volte è possibile che un vecchio trauma torni a farsi sentire sotto forma di fastidio o addirittura dolore. In questi casi è assolutamente necessario prendere atto del problema e attuare tutte le varie misure per evitare il peggioramento della situazione o l’insorgenza di nuovi traumi.

In questi casi è sempre consigliata una visita medica e non bisogna mai adottare soluzioni “fai da te” che rischiano di peggiorare la situazione.


Hai mai fatto una visita specialistica?

Come già detto nel punto precedente, è importante evitare il “fai da te” ma affidarsi sempre al consiglio di un esperto. A volte infatti basta un plantare personalizzato oppure qualche piccolo esercizio mirato, per poter evitare l’insorgenza di traumi ben peggiori.

Eventuali patologie, se vengono trascurate, possono causare danni talvolta irreparabili all’articolazione del ginocchio rendendo il recupero molto più lungo se non addirittura impossibile.

Se identifichi (in tempo) la vera causa del dolore al ginocchio allora sarà quasi sicuramente possibile risolverla o trattarla. Una visita specialistica da un ortopedico, o un podologo ti sarà di grande aiuto in questo senso perché ti aiuterà a capire qual è il vero problema all’origine del dolore.

Conclusioni

Ricorda sempre che il dolore è sempre un sintomo di qualcosa che non va! Il dolore è il modo in cui il nostro corpo ci avvisa e ci impedisce di aggravare la situazione. Continuare a correre senza prestare la dovuta attenzione ad un eventuale dolore è sicuramente la cosa peggiore da fare.

Tag: