18 Mag
Corsa, Sport, Biomeccanica, Nozioni
54 visualizzazioni
0 commenti

Cosa sono la Pronazione e l’Iperpronazione?

La pronazione è il naturale movimento che fa il piede per assorbire l’impatto della camminata o della corsa. Una volta che il tallone colpisce il terreno, durante il movimento della rullata, il piede disperde l’energia dell’impatto allungando e appiattendo l’arco. 

Un certo grado di pronazione è assolutamente fisiologico ed è necessario affinché il piede funzioni correttamente. Tuttavia, quando l’arco del piede diventa troppo piatto e il piede rruota troppo verso l’interno, si può avere un’eccessiva pronazione, anche detta Iperpronazione. Questa condizione medica può derivare da uno sforzo continuo dei piedi e dall’indossare calzature che non hanno un sufficiente supporto dell’arco plantare.

L’Iperpronazione è caratterizzata da un eccessiva rotazione del piede verso l’interno della caviglia e dal conseguente appiattimento dell’arco durante i movimenti del passo. Anche se questa condizione è talvolta descritta come piedi piatti, l’Iperpronazione non è in realtà una disfunzione dei tessuti dell’arco del piede, ma piuttosto un problema articolare, in cui più ossa del piede ruotano contemporaneamente nella direzione sbagliata l’una rispetto all’altra. Inoltre, i muscoli del polpaccio e del piede possono sbilanciarsi nel tentativo di compensare l’aggiustamento dell’andatura causato da questa condizione, il che può innescare una reazione a catena che interrompe la funzione di altri muscoli coinvolti nella locomozione.

Cosa succede al piede durante l’Iperpronazione

Visibile come l’appiattimento della parte interna del piede verso il suolo, l’Iperpronazione consiste in realtà una serie di movimenti che si verificano contemporaneamente in diverse articolazioni del piede durante il movimento del passo.

  • Uno di questi movimenti è l’eversione calcaneare, in cui il calcagno, o l’osso del tallone, colpisce il terreno con un angolo leggermente inclinato verso l’interno, in modo che la parte inferiore del tallone si inclini verso l’esterno.
  • Un altro comporta che la testa o la superficie anteriore dell’astragalo, quella sopra l’osso del tallone e appena sotto l’articolazione della caviglia, si inclini troppo verso l’interno e verso il basso. Questo fa sì che l’articolazione tra l’astragalo e l’osso navicolare, un piccolo osso del piede davanti all’astragalo, sia supinato, il che significa che il mesopiede ruota lateralmente o verso l’esterno e superiormente o verso l’alto.

Cosa fare in caso di Iperpronazione

Per trattare l’Iperpronazione, si raccomanda a chi ne soffre di evitare le scarpe strette, di ridurre al minimo l’uso di scarpe con il tacco alto o di utilizzare delle solette ortopediche personalizzate.

  • Solette ortopediche: sono dei dispositivi che vengono posizionati all’interno delle scarpe per fornire maggiore stabilità e supporto dell’arco. Generalmente è consigliato utilizzare delle solette personalizzate fatte su misura da un tecnico anche se esistono comunque in commercio delle solette generiche da banco.
    Le solette da banco svolgono soltanto un’azione di sostegno dell’arcata plantare aiutando a ridurre il disagio dell’Iperpronazione. Le solette ortopediche hanno un’azione più profonda poiché svolgono un’azione attiva aiutando a distribuire correttamente il peso del corpo tra tallone e avampiede oltre alla funzione di sostegno.
  • Scarpe adeguate: le calzature con un tacco robusto e un supporto mediale e dell’arco sono altamente raccomandate. Ad esempio per la corsa sono da preferire delle scarpe stabili (A4) che aiutano il piede a contrastare questo movimento in eccesso.

Si raccomanda inoltre di fare stretching per i muscoli del polpaccio e per il tendine d’Achille, camminare a piedi nudi per rafforzare i muscoli del piede e della caviglia e allungare il tendine d’Achille , così come esercizi di rafforzamento per i muscoli flessori profondi dell’alluce e il tibiale posteriore. Questi possono includere ad esempio la raccolta di oggetti con i piedi nudi o camminare sulle dita dei piedi nudi.


Tag: