29 Set
Additivi alimentari
29 visualizzazioni
0 commenti

E412 – Farina di semi di guar

L’additivo alimentare E412, meglio conosciuto come farina di semi di guar, è un additivo alimentare naturale derivato dai semi di una pianta asiatica chiamata Cyamopsis tetragonoloba. La farina di guar viene usata come additivo alimentare in molti paesi del mondo.

Questa farina è una polvere bianca finissima e ricca di fibre solubili. È ricca di carboidrati, proteine e grassi, ma ha anche un basso contenuto di sodio e calorie. La farina di guar viene utilizzata come addensante, stabilizzante e come agente addensante nell’industria alimentare.

È una sostanza sicura da assumere e viene utilizzata in una vasta gamma di prodotti alimentari, come gelati, budini, salse, farina di grano, budini di frutta, cereali, condimenti, prodotti da forno e prodotti congelati. Può anche essere usata come legante in prodotti come caramelle, cracker, biscotti e tavolette di cioccolato.

È anche un ingrediente comune in prodotti di cura della salute, come integratori a base di erbe, capsule, pillole e compresse. Può anche essere utilizzato come addensante nei prodotti cosmetici, come saponi, creme e lotioni.

È un additivo alimentare sicuro, ma è importante mantenere un uso moderato. Se si assumono grandi quantità di farina di guar, può causare stitichezza, gonfiore e diarrea. Si consiglia di controllare sempre l’etichetta dei prodotti alimentari prima di acquistarli, per assicurarsi che non contengano farina di guar.

È possibile acquistare la farina di guar nei negozi di alimentari, nei negozi di prodotti naturali e anche online. Può essere acquistata sotto forma di polvere o come capsule. Si consiglia di acquistare la farina di guar di un marchio di qualità affidabile per assicurarsi che sia sicuro da assumere.

Per saperne di più sugli altri additivi alimentari visita la pagina di riferimento
Per qualunque inesattezza nel presente articolo dovuta ad un aggiornamento delle evidenze scientifiche in merito a questo additivo, si prega di scrivere una mail a [email protected] segnalando l’errore


Per approfondire l’argomento sull’additivo E412 consulta le ultime ricerche scientifiche su PubMed