0 Chilometro
29 Giu
Additivi alimentari
41 visualizzazioni
0 commenti

E341 – Fosfato di calcio

L'additivo alimentare E341, noto anche come fosfato di calcio, è un composto sintetico utilizzato come additivo alimentare per migliorare la consistenza e la stabilità di alcuni alimenti. Si tratta di una sostanza bianca e inodore, generalmente prodotta sinteticamente attraverso la reazione tra acido fosforico e carbonato di calcio.

Il fosfato di calcio è uno degli additivi alimentari più comunemente utilizzati al giorno d'oggi e può essere trovato in una vasta gamma di prodotti, dai prodotti da forno ai prodotti di carne conservati. I prodotti che contengono fosfato di calcio sono generalmente etichettati con l'ingrediente "E 341" o "additivo alimentare E341".

Il fosfato di calcio viene utilizzato principalmente come agente addensante, stabilizzante, emulsionante e conservante. Può anche migliorare le proprietà nutrizionali di alcuni alimenti, come la resistenza all'ossidazione, l'assorbimento dei nutrienti e l'appetibilità.

Tuttavia, nonostante i suoi vantaggi, l'E341 deve essere usato con cautela. In alcune persone, può causare problemi digestivi come gonfiore e diarrea. Inoltre, alcuni studi hanno collegato l'uso di fosfato di calcio a problemi di salute come l'osteoporosi, l'aterosclerosi e le malattie renali. Pertanto, è importante controllare le etichette dei prodotti alimentari per assicurarsi che non contengano fosfato di calcio.

In generale, il fosfato di calcio è un additivo alimentare sicuro e utile che viene utilizzato in una vasta gamma di prodotti alimentari. Può migliorare la consistenza, la stabilità e le proprietà nutrizionali di alcuni alimenti. Tuttavia, è importante evitare l'eccessivo consumo di prodotti contenenti E341 per evitare problemi di salute.

Per saperne di più sugli altri additivi alimentari visita la pagina di riferimento
Per qualunque inesattezza nel presente articolo dovuta ad un aggiornamento delle evidenze scientifiche in merito a questo additivo, si prega di scrivere una mail a [email protected] segnalando l'errore


Per approfondire l'argomento sull'additivo E341 consulta le ultime ricerche scientifiche su PubMed