11 Mag
Additivi alimentari
24 visualizzazioni
0 commenti

E162 – Rosso di barbabietola

L’additivo alimentare E162 è un colorante alimentare naturale ottenuto dal succo di barbabietola rossa. È uno dei più comunemente usati coloranti alimentari e può essere trovato nella maggior parte dei prodotti alimentari di tutto il mondo. L’additivo alimentare E162 è una sostanza non tossica approvata dall’Unione Europea (UE) e dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per l’uso in alimenti sicuri.

Il colore rosso di barbabietola ottenuto da questo additivo alimentare è particolarmente adatto per aggiungere colore a prodotti alimentari come gelati, caramelle, bevande, prodotti da forno, succhi di frutta, marmellate, salse, condimenti, prodotti a base di uova, marinate e altro ancora. È anche comunemente usato per colore le perle di zucchero e le gomme da masticare.

L’additivo alimentare E162 è una sostanza sicura da usare. Tuttavia, come per qualsiasi altro additivo alimentare, non dovrebbe essere usato in grandi quantità. Se usato in eccesso, può causare effetti collaterali come mal di testa, nausea, stanchezza e vertigini. Il colore rosso di barbabietola in eccesso può anche macchiare i denti e le mucose.

L’additivo alimentare E162 è disponibile per l’acquisto in negozi di alimentari e drogherie. È anche possibile acquistarlo online in forma liquida o in polvere. Non è consigliabile acquistare l’additivo alimentare E162 da fonti non autorizzate, poiché potrebbe essere di bassa qualità o adulterato.

L’additivo alimentare E162 è una scelta eccellente per vari scopi, incluso l’aggiunta di colore ai prodotti alimentari. È una sostanza sicura, se usata in quantità ragionevoli. Tuttavia, è importante acquistare l’additivo alimentare E162 da una fonte affidabile e non usarlo in quantità eccessive.

Per saperne di più sugli altri additivi alimentari visita la pagina di riferimento
Per qualunque inesattezza nel presente articolo dovuta ad un aggiornamento delle evidenze scientifiche in merito a questo additivo, si prega di scrivere una mail a [email protected] segnalando l’errore


Per approfondire l’argomento sull’additivo E162 consulta le ultime ricerche scientifiche su PubMed