04 Mag
Additivi alimentari
12 visualizzazioni
0 commenti

E128 – Rosso 2G

Gli additivi alimentari sono sostanze che vengono aggiunte ai prodotti alimentari per mantenere la loro qualità e sicurezza, migliorare la loro consistenza, colore e aroma, o prolungare la loro durata. Uno di questi additivi alimentari è il Rosso 2G o E128, un colorante sintetico che appartiene alla famiglia dei coloranti azoici. Il Rosso 2G è presente in molti prodotti alimentari, come gelati, caramelle, dolci, succhi di frutta, gelatine, sciroppi e condimenti.

Il Rosso 2G viene utilizzato per conferire un colore rosso intenso ai prodotti alimentari. Tuttavia, negli ultimi anni sono state sollevate preoccupazioni sulla sicurezza del Rosso 2G. Alcuni studi hanno suggerito che l’esposizione a lungo termine al Rosso 2G può essere associata a un aumento del rischio di cancro e di altre malattie croniche. Inoltre, il Rosso 2G può provocare reazioni allergiche in alcune persone.

Per questo motivo, molte organizzazioni governative e non governative hanno espresso preoccupazioni riguardo all’uso del Rosso 2G e hanno chiesto ai produttori di ridurre o eliminare la sua presenza nei prodotti alimentari. In alcuni paesi il Rosso 2G è stato bandito o limitato per la sua potenzialità cancerogena.

Tuttavia, il Rosso 2G rimane ancora un additivo alimentare ampiamente utilizzato e presente in molti prodotti alimentari. Pertanto, è importante leggere attentamente le etichette dei prodotti alimentari per verificare se contengono questo additivo e valutare eventuali alternative dietetiche. Se hai dubbi sulla sicurezza dei prodotti alimentari che consumi, consulta il medico o un esperto in nutrizione per consigli.

Per saperne di più sugli altri additivi alimentari visita la pagina di riferimento
Per qualunque inesattezza nel presente articolo dovuta ad un aggiornamento delle evidenze scientifiche in merito a questo additivo, si prega di scrivere una mail a [email protected] segnalando l’errore


Per approfondire l’argomento sull’additivo E128 consulta le ultime ricerche scientifiche su PubMed